Caricamento

Previsioni mensili LaMMA

        Aggiornamento del 20 giugno 2016

Proiezioni per il periodo luglio-settembre in TOSCANA

LUGLIO: temperature e giorni piovosi in media.

AGOSTO: temperature sopra media e giorni piovosi in media.

SETTEMBRE: temperature in media e giorni piovosi superiori alla norma. 
 
  LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE
TEMPERATURE in media sopra media in media
     
PRECIPITAZIONI in media in media sopra media
 
Nota: per semplicità e chiarezza comunicativa, è stato deciso di passare ad una scala di 3 scarti rispetto alla media anzichè 5, come adottato fino alle previsioni rilasciate a luglio 2015. Per chiarimenti vai sulla pagina descrittiva della legenda
 
Descrizione generale (EUROPA-ITALIA): il prosieguo dell'estate 2016 sarà influenzato dalle temperature superficiali atlantiche (indice AMO), dal dipolo Mediterraneo e dall’andamento dei monsoni. L’indice AMO nel mese di maggio ha mostrato un forte incremento, facendo registrate un valore prossimo a +0,4° C di anomalia, ovvero oltre il 95° percentile, mentre il dipolo Mediterraneo ha mostrato un lieve ridimensionamento a causa del riscaldamento del comparto occidentale. In questo contesto, tuttavia, permane un’area di anomalie negative sul comparto nord atlantico; pertanto il flusso zonale atlantico potrebbe risultare meno intenso e persistente nel mese di luglio rispetto a giugno, ma ancora favorevole al transito di frequenti perturbazioni sull’Europa centrale (parte della Spagna, Francia, Germania, Benelux e regione alpina).  L’Italia, con questo tipo di pattern, dovrebbe trovarsi a “cavallo” tra il flusso atlantico centro europeo e le rimonte anticicloniche afro-mediterranee, i cui massimi in quota e al suolo dovrebbero interessare principalmente le regioni centro meridionali e i Balcani. L’azione stabilizzante degli anticicloni dovrebbe essere inizialmente mitigata dagli elevati valori di umidità del suolo causati dalle abbondanti precipitazioni cadute nel mese di giugno.  La stessa umidità in eccesso, unitamente a temporanei abbassamenti della storm-track atlantica, potrebbe favorire fenomeni temporaleschi intensi. 
Nel mese di luglio, pertanto, le temperature risulteranno complessivamente in media sulle regioni centro settentrionali e superiori alla media sulle quelle meridionali. I giorni piovosi, invece, dovrebbero risultare superiori alla norma al Nord e in media al centro sud. Nel mese di agosto l’influenza del Monsone Indiano (previsto leggermente sopra media sul comparto meridionale e occidentale dell’India) e di quello africano (previsto nella norma con l’elevazione dell’ITCZ che dovrebbe mantenersi su latitudini conformi alla media sull’Africa occidentale, con insorgenza più settentrionale sul comparto orientale della Africa) potrebbero favorire rimonte anticicloniche più frequenti sul Mediterraneo centro-orientale con temperature sopra media e giorni piovosi in media al centro-sud Italia, mentre al Nord sono attese temperature e precipitazioni nella norma o superiori sulle Alpi.  
Per quanto riguarda settembre, a causa dell’incerto andamento del monsone indiano, non è possibile allo stato attuale formulare una tendenza; pertanto l’outlook si basa interamente sul modello sperimentale del Consorzio LaMMA (temperature in media e giorni piovosi superiori alla norma). 
 
 
Sulla base dell'evoluzione e della previsione del monsone indiano e africano nel corso dei prossimi due mesi, le previsioni per il periodo estivo potranno subire variazioni; si consiglia pertanto di seguire il rilascio del mese di giugno e luglio. 

 

 
Servizio sperimentale aggiornato mensilmente
 
 
Climatologia di riferimento: 1981-2010

Indici analizzati

AMO (osservata e prevista), ENSO (osservata e prevista), proiezioni IRI/ECMWF/NOAA/NASA sulle SST globali, SST Mediterraneo (osservate e previste), attività solare (osservata e prevista), ITCZ e monsone Indiano (osservati e previsti), MJO (osservata e prevista). 

  • ATTIVITA' SOLARE: secondo le ultime proiezioni NASA nei prossimi 3 mesi il sole produrrà una media di circa 48-50 macchie al giorno con tendenza alla diminuzione. L'attività magnetica, AP, ha raggiunto il massimo nel 2015 con una media di 12.5 (debole-moderata). Nei primi 5 mesi e mezzo del 2016 il dato medio oscilla intorno a 10, rispetto agli 11 dei 4 mesi e mezzo precedenti;   
  • ENSO: nel mese di giugno l'anomalia superficiale in zona 3.4 si è definitivamente annullata segnando la fine del NINO. Tra luglio e settembre i principali modelli dinamici prevedono l'instaurarsi di una NINA debole-moderata (-0.5/-0.8 °C), mentre i modelli probabilistici convergono verso una fase neutra. 
  • MJO: nella seconda decade di giugno l'attività convettiva è aumentata in zona 2-3. Nei prossimi due mesi, complice la dimininuzione delle temperature sul Pacifico Equatoriale orientale, non è da escludere un incremento dell'attività convettiva sulle zone 1-6-7-8.  
  • MONSONE INDIANO: i rilasci dei principali centri predittivi (WMO, IMD e SKYMET) confermano, per il bimestre luglio-agosto, un monsone leggermente più intenso della norma con anomalie positive sul comparto centro occidentale e debolmente negative su quello settentrionale e nord orientale (nel complesso dovrebbe cadere un 6% in più di pioggia). Al 20 giugno, tuttavia, si osserva un deficit del 25%. 
  • ITCZ + WAM: la linea di convergenza intertropicale sul continente africano nella prima decade di giugno è risultata leggermente superiore alla norma. 
  • VORTICE POLARE: non influente in questo periodo. 
  • AMO: nel mese di marzo l'AMO ha fatto registrare un sensibile aumento passando da +0.192 °C a +0.359 °C, valore superiore al 95° percentile. Si conferma anche nei primi 20 giorni di giugno una vasta area caratterizzata da anomalie negative tra Isole Britanniche, Islanda, Groenlandia meridionale e Terranova; a nord e a sud di questa, invece, dominano scarti positivi.
  • SST Mediterraneo: il dipolo mediterraneo più debole rispetto ai primi 15 giorni di maggio, tuttavia non è escluso che si rinforzi nuovamente a luglio. 
  • SOIL MOISTURE: l'umidità del suolo tra 10 e 200 cm, risulta marcatamente superiore alla norma sull'Europa centro occidentale. 

Classificazione delle anomalie

Vedi la legenda per approfondimenti

Climatologia di riferimento: 1981-2010

TEMPERATURE

    sopra media: anomalie superiori a +1.0 °C ( > +1.0 °C );
    in media: anomalie termiche tra -1.0 e +1.0 °C ( >= -1.0 °C e <= +1.0 °C );
    sotto media: anomalie inferiori a -1.0 °C ( < -1 °C);

PRECIPITAZIONI

    sopra media: anomalie superiori a 2 wet days/mese*;
    in media: anomalie termiche comprese tra -2 e 2 wet days/mese*, estremi compresi;
    sotto media: anomalie inferiori a 2 wet days/mese*;