Caricamento

Bollettino agrometeorologico per la provincia di Firenze

Aggiornato il 21/09/2017

Il bollettino agrometeorologico viene aggiornato una volta la settimana (giovedì). Per informazioni meteorologiche più aggiornate consultare il bollettino Lamma
Firenze: Osservazioni della settimana da 14/09/2017 a 20/09/2017
settimana piovosa sulla provincia di Firenze con precipitazioni osservate ogni giorno, più abbondanti nelle giornate del 15, 16, 18, 19. Temperature leggermente al di sotto delle medie del periodo.
Mappe di scostamento dalle medie delle temperature (rosso = più caldo del normale; blu = più freddo del normale)
Mappe del numero dei giorni piovosi e del cumulato di pioggia in mm
Temperature registrate nell’ultima settimana e precipitazioni giornaliere in alcune località rappresentative della
provincia di Firenze
  Valori giornalieri - Tmin (°C) / Tmax (°C)
Pioggia (mm)
Valori medi settimanali e
Cumulato pioggia
  gio 14ven 15sab 16dom 17lun 18mar 19mer 20 Settimana
Borgo San Lorenzo14.4/23.5
0.8
15.5/24.4
18.2
13.6/21.0
3.4
11.4/19.9
1.4
13.2/17.2
6.2
9.6/14.8
7.0
8.3/21.8
0.2
12.3/20.4
37.2
Barberino14.9/24.6
0.0
16.9/23.4
4.2
12.7/20.4
3.6
12.4/18.7
0.4
12.5/19.9
3.8
9.4/16.1
10.0
9.1/19.8
0.0
12.6/20.4
22.0
Lamole14.0/23.8
0.0
16.4/21.8
2.0
11.1/19.9
17.6
10.7/17.5
0.2
11.9/19.2
4.2
9.3/15.3
7.6
8.9/19.2
0.0
11.8/19.5
31.6
Remole15.5/25.3
0.2
16.6/24.2
4.6
13.3/21.3
0.2
11.5/20.6
0.0
13.5/17.9
5.8
9.9/16.7
5.6
10.2/22.9
0.0
12.9/21.3
16.4
Sambuca14.6/26.8
0.0
16.9/24.1
12.0
13.5/21.0
0.6
13.0/20.8
0.2
13.3/21.9
5.2
10.3/16.9
11.2
10.0/20.8
0.0
13.1/21.8
29.2
Cerreto Guidi16.1/25.9
0.0
16.7/25.2
3.8
15.5/20.8
0.2
13.2/20.8
0.2
13.8/18.2
27.8
12.6/19.0
2.2
9.9/22.4
0.0
14.0/21.8
34.2
n.d. = dato non disponibile
* = valore calcolato tramite dati settimanali non completi
Tempo previsto nei prossimi 2 giorni
venerdì 22/09/2017
Stato del cielo e fenomeni: nuvoloso in mattinata per nubi basse. Foschie e nebbie nei fondovalle. Schiarite pomeridiane con cielo al più poco nuvoloso.
Venti: deboli prevalentemente occidentali.
Temperature: minime in lieve aumento. Massime stazionarie o in lieve aumento.

sabato 23/09/2017
Stato del cielo e fenomeni: poco nuvoloso al mattino, tendenza dal pomeriggio ad aumento della nuvolosità, prevalentemente di tipo alto e stratificato.
Venti: deboli meridionali.
Temperature: minime in locale lieve aumento, massime pressoché stazionarie.
Segnalazioni
nulla da segnalare
 
Previsione per venerdì 22/09/2017
mattina pomeriggio sera
Previsione per sabato 23/09/2017
mattina pomeriggio sera
Tendenza
domenica 24/09/2017
Stato del cielo e fenomeni: poco nuvoloso. Tendenza ad aumento delle nubi nella seconda parte della giornata sui settori appenninici, specie sui versanti emiliano-romagnoli.
Venti: deboli prevalentemente occidentali.
Temperature: stazionarie.

lunedì 25/09/2017
Stato del cielo e fenomeni: nuvolosità variabile a tratti intensa in Appennino. Bassa probabilità di precipitazioni.
Venti: in rotazione ai quadranti settentrionali.
Temperature: minime in lieve aumento, massime in lieve calo.

Giorni successivi:
Segnalazioni
nulla da segnalare
 
domenica 24/09/2017 lunedì 25/09/2017 martedì 26/09/2017 mercoledì 27/09/2017 giovedì 28/09/2017
BOLLETTINO FITOSANITARIO
aggiornato il 21/09/2017

Emesso il 21/09/17 prossimo aggiornamento il 28/09/2017

In evidenza

Mosca delle olive rischio in generale stabile, localmente in leggera crescita: MEDIO/BASSO nelle aree interne MEDIO nelle aree costiere.

ANALISI METEO CLIMATICHE

Secondo le elaborazioni meteorologiche del Lamma la settimana è stata caratterizzata da temperature massime in linea o di alcuni gradi inferiori rispetto alle medie stagionali, con scostamenti più alti nella metà settentrionale della regione. Le temperature minime hanno registrato un andamento sostanzialmente in linea con i valori previsti per il periodo, con alcuni abbassamenti localizzati rispetto alla media. Tutte le province sono state interessate dalle precipitazioni, cadute per più giorni nell’arco della settimana.

Analisi a cura del Consorzio Lamma

Le previsioni meteo riportate sul sito agroambiente sono emesse il giovedì in concomitanza delle analisi fitosanitarie. Per le previsioni aggiornate nei prossimi giorni vai al sito http://www.lamma.rete.toscana.it/meteo/bollettini-meteo/toscana.

Olivo

Fenologia Situazione mosca

Accrescimento olive verdi, giallo-verdi in alcune varietà; procede l'invaiatura delle varietà più precoci. La maturazione e l'inolizione sono molto variabili anche in territori ristretti.

Continua ad essere importante sottolineare che da studi ed osservazioni la maturazione fisiologica delle olive e la sua colorazione non hanno una correlazione diretta, anzi in annate molto siccitose si possono verificare intense colorazioni precoci ma senza avere una corrispondente reale maturazione/inolizione del frutto.

Un'annata siccitosa e calda come il 2017 ha sicuramente rallentato anche le attività fotosintetiche della pianta rendendo, in alcuni casi, del tutto insignificanti quegli apparenti stati di anticipo fenologico che talvolta abbiamo rilevato in campo. Appare quindi opportuno analizzare con attenzione la reale maturazione delle olive per programmare in modo corretto le operazioni di raccolta e frangitura.

Monitoraggio da effettuare in campo

Mosca delle olive: nelle aree segnalate nel monitoraggio regionale con infestazione superiore al 3-5[%] eseguire campionamenti.

Mosca delle olive

SITUAZIONE PROVINCIALE

Il monitoraggio in campo conferma una situazione stabile rispetto alla scorsa settimana, con dati di infestazione attiva compresi tra 0 e 3[%], sotto la soglia di intervento consigliata del 10[%]. Le ovodeposizioni non hanno subito sostanziali variazioni rispetto al precedente campionamento.

Sul territorio REGIONALE appare una situazione che si mantiene ancora, in generale, piuttosto “calma”, ma non mancano queste settimane alcune aree circoscritte con infestazione in netto aumento.

Manteniamo in evidenza ed aggiorniamo alcuni elementi salienti:

I dati di infestazione piuttosto alti sono sicuramente fatti lievitare anche dalla scarica produttiva che, come abbiamo già evidenziato ad inizio campagna, condizionano il valore percentuale: infatti, un determinato numero di mosche presenti nell'oliveto, e di conseguenza di uova deposte, rappresenta una percentuale di attacco in aumento al diminuire del numero di olive sulla pianta. Ad es. cento olive con infestazione su mille olive rappresentano il 10[%], su 2000 olive rappresentano il 5[%].

Teniamo sempre in considerazione che, come evidenziato dai dati di mortalità delle scorse settimane, è stata un'estate molto difficile anche per l'insetto che ne ha indubbiamente contenuto la popolazione di adulti, e la possibile ovodeposizione della generazione in corso potrebbe essere molto più contenuta rispetto a quella conseguente a due generazioni in cui l'insetto si è sviluppato bene e ha potuto produrre un elevato numero di adulti (e di femmine ovodeponenti).

Le temperature minime piuttosto fresche di questi giorni rallentano il ciclo di sviluppo dell'insetto.

Manteniamo di conseguenza il suggerimento che effettuare trattamenti preventivi sarebbe ancor meno utile ed efficace rispetto all'andamento consueto, mentre manteniamo il consiglio di continuare a seguire con attenzione lo sviluppo della situazione e monitorare attentamente la crescita delle drupe e le ovodeposizioni dell'insetto nel corso delle prossime settimane.

Agricoltura integrata

Non sono in generale attualmente necessari trattamenti; nelle aree dove è segnalata presenza di infestazione superiore al 5[%] è opportuno effettuare campionamenti delle olive, e seguire attentamente gli sviluppi delle prossime settimane.

RIPETIAMO che eventuali trattamenti con larvicida non hanno effetto di prevenzione, in quanto il periodo di efficacia non supera, in condizioni normali della stagione, i 13/16 giorni. L'unico strumento efficace resta il monitoraggio delle olive.

Agricoltura biologica

Per chi adotta strategie con repellenti e attrattivi sarà importante anticipare il più possibile l'evoluzione e quindi ogni informazione sarà molto utile; con particolare attenzione nelle aree del monitoraggio regionale dove viene rilevata ovodeposizione in aumento, sarà opportuno controllare la tenuta dei sistemi di lotta per la cattura massale o con attrattivi, e verificare lo stato della copertura della vegetazione con i prodotti precedentemente usati: dove eventuali piogge avessero dilavato il prodotto sarà indispensabile ripetere il trattamento.

Rispettare scrupolosamente tutte le disposizioni riportate in etichetta dei prodotti fitosanitari utilizzati, che ai fini dei controlli sono il riferimento principale per l'uso conforme dei PF secondo il PAN. Ad es. i prodotti a base di rame hanno circa trenta di giorni di intervallo di sicurezza.

Vite

Fenologia

Maturazione a vari livelli; sono in corso, se non completate, le operazioni di vendemmia di molte aree e vitigni.

PRINCIPI GENERALI DI DIFESA

Per i prodotti utilizzabili rimandiamo alle schede dell'agricoltura integrata  clicca qui

A fine campagna di difesa è opportuno riporre nella rimessa i macchinari dopo averli accuratamente puliti nelle varie parti, serbatoi, tubazioni, pompa, filtri raccordi, in modo tale che durante il periodo inattivo non si formino incrostazioni che comprometteranno le funzionalità alla ripresa dell'utilizzo.

Ricordiamo che con l'attuazione del PAN sull'utilizzo dei prodotti fitosanitari il 26 novembre 2016 è scaduto il termine per il controllo funzionale obbligatorio delle macchine per la distribuzione. Visualizza le informazioni sulla pagina dedicata al PAN Regione Toscana

NB per tutelare gli insetti impollinatori, non effettuare mai trattamenti con insetticida in periodo di fioritura della coltura trattata, e sfalciare l'erba sottostante prima di effettuarli.

Finalità e metodologia

Il servizio viene erogato in osservanza di quanto previsto dal D.lgs150 del 2012 “Attuazione della Direttiva 128/2009 CE che istituisce un quadro di azione comunitaria ai fini dell’utilizzo sostenibile dei pesticidi”.

L’obiettivo perseguito è quello di fornire alle aziende agricole supporti tecnici per l’applicazione delle prescrizioni di difesa integrata introdotti dal PAN.

Con questo bollettino si vuole evidenziare lo stato fitosanitario della coltura, l’eventuale necessità di interventi di difesa ed il momento ottimale per la loro realizzazione allo scopo di evitare la realizzazione di trattamenti inutili o in momenti sbagliati.

I formulati indicati sono quelli riportati nei disciplinari di produzione integrata della Regione Toscana per l’anno 2016.

Per motivi tecnici consultare il bollettino fito-sanitario a questo indirizzo