Caricamento

LIFE+IMAGINE

Periodo:
2013
Tipo:
Progetto di ricerca
Nazionale
Stato:
In corso

Sommario

LIFE+IMAGINE è un progetto co-finanziato dal Programma LIFE+ Politica e Governance Ambientale nell’ambito dell’obiettivo “approccio strategico” e riguarda la gestione integrata della zona costiera e  l’implementazione delle politiche ambientali di settore.  
Attraverso metodologie di analisi ambientale, il progetto fornisce informazioni a supporto della pianificazione costiera e della presa di decisione, con riferimento a due scenari applicativi: frane e consumo del suolo in zone costiere.
 

Descrizione

LIFE+IMAGINE intende implementare un’infrastruttura basata su servizi web per l’analisi ambientale, che integra nella propria architettura le specifiche e i risultati di  INSPIRE, SEIS e GMES.
L'infrastruttura sarà applicata ai due scenari del progetto: frane costiere e consumo del suolo in zone costiere.
I siti pilota del progetto sono per la Regione Liguria la zona del Tigullio (scenario consumo del suolo) e la zona delle Cinque Terre (scenario frane costiere) e per la Regione Toscana la zona che comprende la Lunigiana, la Versilia e la Garfagnana cui verranno applicati entrambi gli scenari.
 

Attività 

L’infrastruttura per l'analisi ambientale sarà applicata a due scenari con l’intento di conseguire nel breve periodo i seguenti risultati:

  • Scenario Frane:
- (ri) formulazione di modelli per l’analisi del rischio, basati su dataset INSPIRE-compliant;
- definizione di procedure standard per creare mappe di rischio per le frane costiere, relativamente a eventi meteorologici particolari e alla loro area di incidenza;
- definizione di procedure per valutare l’impatto ambientale, attraverso un set di indicatori per stimare la % di
popolazione/territorio/infrastrutture coinvolte da frane o eventi alluvionali.
  • Scenario Consumo del Suolo:
- creazione, partendo da dati multi-sorgente, di indicatori sul consumo del suolo in area costiera, che includano anche informazioni storiche.
- monitoraggio dei cambiamenti nella copertura del suolo, nell’uso del suolo e relativa impermeabilizzazione del suolo negli anni passati.
 
A medio termine, ci si aspetta invece che l’applicazione alla ICZM dell’infrastruttura di LIFE+IMAGINE, porti benefici ambientali grazie alla disponibilità di informazioni nuove, fruibili e accessibili per:
- meglio valutare gli impatti delle frane e del consumo del suolo, calcolando in quale misura la zona oggetto di studio sia affetta da tali fenomeni;
- mitigare gli impatti attraverso la previsione e il monitoraggio di questi fenomeni;
- migliorare e, più a lungo termine, riformulare i processi di pianificazione, proponendo degli interventi volti a rimuovere gli impatti.
Ultimo aggiornamento: 27/11/2013