Marzo, piogge eccezionali. E' il quinto mese di surplus...

Quello appena concluso è stato il mese di Marzo più piovoso in Toscana almeno degli ultimi 60 anni, in particolare sulle zone centro settentrionali della regione. 
Come si legge nel report meteo appena pubblicato, il mese è trascorso sotto la costante influenza del flusso atlantico umido e perturbato, con correnti occidentali che hanno insistito in ambito mediterraneo per oltre 25 giorni e con diverse perturbazioni che in rapida successione hanno interessato la nostra regione. Dal punto di vista termico le prevalenti condizioni di cielo coperto da nubi hanno limitato da un lato il raffreddamento notturno e dall'altro il riscaldamento diurno, favorendo valori termici al mattino leggermente sopra la media (poche infatti le gelate in pianura) e temperature massime quasi costantemente sotto le medie di riferimento. 

Le piogge di Marzo

L’eccezionale piovosità di Marzo è ben espressa dai dati di piovosità sui capoluoghi toscani dove è piovuto circa il triplo rispetto alle precipitazioni generalmente attese per questo periodo (+210%).  Anche i giorni di pioggia sono stati circa il doppio rispetto alla media (+125 %).
La tabella presenta per ciascun capoluogo il quadro dei valori di precipitazione di Marzo, la media climatologica e il relativo surplus, a partire dai valori più importanti. (Dati servizio idrogologico regionale, Meteo AM, Consorzio LaMMA). 
 
Capoluogo Media 1971-2000 (mm) Marzo 2013
(mm)
SURPLUS %
Lucca 80 335 331%
Massa Carrara 80 344 329%
Pisa 60 237 282%
Pistoia 95 332 258%
Prato 70 213 202%
Livorno 55 160 186%
Firenze 70 197 180%
Arezzo 60 133 125%
Siena 60 91 51%
Grosseto 50 67 30%
       
media  70 210 210%

A Firenze ad esempio a Marzo 2013 sono piovuti 197 mm rispetto ai 70 mm della media climatologica, quindi quasi il triplo. Ma i valori più eclatanti sono ben visibili ai primi posti della tabella (e dalle colonne blu che svettano nel grafico) e sono quelli di: Massa Carrara, con 344 mm rispetto ai normali 80 mm, Lucca con 335 mm rispetto ai normali 80, Pisa con 332 rispetto ai normali 60 mm e Pistoia con 332 mm rispetto ai 95 attesi.
Meno piovosa in genere la Toscana meridionale, Grosseto e Siena sono le città in cui il surplus di pioggia, seppur evidente, è più contenuto rispetto alle altre. La motivazione è da ricercarsi nella prevalente formazione di minimi depressionari sul Mar Ligure piuttosto che sul Tirreno settentrionale e centrale, configurazione che lascia maggiormente in ombra pluviometrica proprio Siena e Grosseto. 
 

Come è piovuto?  

Come si vede dal grafico precedente a Marzo, fatta eccezione per Siena e Grosseto, i surplus percentuali di pioggia sono stati decisamente più alti rispetto ai surplus dei giorni piovosi (tendenza osservabile dal mese di Novembre). Questa differenza così significativa fra pioggia cumulata e giorni di pioggia sta ad indicare che quando piove, piove più abbondantemente ed intensamente rispetto al passato. Le cause di questa maggiore entità delle precipitazioni potrebbero essere molteplici. Oltre al cambiamento climatico globale,  gioca un ruolo anche la concomitanza di altri fattori determinanti per le piogge degli ultimi mesi. Citiamo fra questi:
  • l'eccezionale e calda estate 2012 sull'area mediterranea con il conseguente forte riscaldamento del Mediterraneo, la cui temperatura superficiale ha riportato a fine estate un’anomalia media di circa +3/4 gradi; ciò ha aumentato la disponibilità di calore latente fornita dal mare, e dunque di energia, contribuendo alla maggiore intensità degli eventi precipitativi almeno fino al mese di Gennaio.  
  • il riscaldamento stratosferico verificatosi nella prima decade di Gennaio che ha invertito la normale circolazione atmosferica spostando le alte pressioni verso latitudini più settentrionali e le basse pressioni tra Europa centrale e Mediterraneo. La pressione mediamente più bassa a tutte le quote ha reso le perturbazioni particolarmente efficienti. 
 

Cinque mesi di piogge abbondanti

Se Marzo è risultato eccezionale come piovosità, anche i mesi precedenti sono stati più piovosi rispetto alla media climatologica. Dal grafico dei cumulati di pioggia del periodo Novembre 2012-Marzo 2013 si vede bene come negli ultimi cinque mesi (le barre blu nel grafico) le precipitazioni siano state tutte molto superiori alla media (barre grigie).
Marzo è il quinto mese consecutivo in cui le precipitazioni superano la media climatologica.

Per avere un'idea più chiara dell'abbondanza delle precipitazioni basti pensare che tra Gennaio e Marzo in città come Lucca, Pisa, Livorno e Massa Carrara è già caduto il 55-60% della pioggia che cade mediamente in un intero anno (invece del 20-25% atteso per i primi tre mesi).

Grazie a queste persistenti ed abbondanti piogge il forte deficit che si era accumulato da metà 2011 a quasi tutto il 2012 è stato superato, come indicano i valori dell’indice giornaliero EDI (Effective Drought Index) con un trend in costante e rapido incremento oltre il surplus “estremo” . Solo Grosseto e Siena mantengono un andamento più regolare, caratteristico di un’area intrinsecamente più “secca”. (vedi bollettino siccità)
 

Altri grafici e immagini di interesse

Cumulato piogge - Marzo 2013   Precipitazioni Gennaio - Marzo: raffronto ultimi 3 anni   Cumulati Gennaio - Marzo 2013

 



Altri link per approfondire:

 


Ultimo aggiornamento: 12/04/2013