Previsioni mensili LaMMA
                                                                                                                                                                                 Aggiornamento del 29 giugno 2022
 

Proiezioni per il periodo luglio-settembre sul centro-nord Italia (particolare riferimento alla TOSCANA): 

LUGLIO: temperature superiori alla norma e giorni piovosi nella norma

AGOSTO: temperature superiori alla norma e giorni piovosi inferiori

SETTEMBRE: temperature superiori alla norma e giorni piovosi nella norma

  LUGLIO AGOSTO

SETTEMBRE

TEMPERATURE sopra media sopra media sopra media
GIORNI PIOVOSI in media sotto media in media
* L'asterisco viene inserito per le temperature "in media" qualora sia attesa un'anomalia positiva contenuta tra +0,5°C e +1°C
 

Descrizione generale: tra le teleconnessioni che ci guidano nella previsione dei prossimi mesi, segnaliamo che l’ITCZ (InterTropical Convergence Zone), attualmente su latitudini normali o leggermente superiori, è attesa avanzare ancora più a nord soprattutto nel mese di agosto, in virtù di un Monsone Africano (WAM - Wet African Monsoon) previsto essere più attivo nell'entroterra che non sulle coste del Golfo di Guinea, mentre per luglio e settembre le anomalie dovrebbero rimanere più contenute. Unitamente alle acque superficiali dell'Atlantico (indice AMO positivo che ha raggiunto il valore di 0,202 nel mese di maggio), nonché del Mar Mediterraneo, decisamente più calde del normale (le SST del Mediterraneo risultano anche 5°C superiori alla norma), si ipotizza un prossimo trimestre luglio-settembre ancora su valori termici superiori alla media, in particolare in agosto, mese nel quale sembrano anche più probabili e frequenti le ondate di calore.

Dal punto di vista pluviometrico, per quanto le piogge estive siano per lo natura poco significative su gran parte della nostra penisola (ad eccezione dell'arco alpino per cui l'estate risulta generalmente il periodo più piovoso dell'anno), ci attendiamo nel mese di luglio una circolazione a tratti più zonale (da Ovest verso Est) che potrà, oltre a rendere il caldo più sopportabile rispetto al mese di giugno, dar luogo a precipitazioni soprattutto in area alpina e subalpina, ma che a tratti potrà determinare qualche episodio instabile anche sulla Toscana caratterizzato da precipitazioni prevalentemente convettive e non omogeneamente distribuite sul territorio. Questa caratteristica sembra, invece, meno probabile per il mese di agosto. In definitiva, ci attendiamo un numero di giorni di pioggia nella norma a luglio, inferiore ad agosto e nella norma a settembre. Per quest'ultimo ci atteniamo alle indicazioni dei principali modelli climatici.

Un breve disamina del mese di giugno: gran parte del mese è stato caratterizzato dalla prevalenza sulla nostra penisola di un robusto campo di alta pressione di matrice subtropicale, responsabile di importanti anomalie termiche positive che hanno dato luogo a numerosi record mensili su molte zone dell'Italia e, in alcuni casi, anche a record assoluti. Seppur con un'attività monsonica sul comparto africano tutto sommato normale (ITCZ - InterTropical Convergence Zone su latitudine canoniche o leggermente superiori al normale nel corso della seconda decade del mese di giugno), la risalita verso l'Europa centro meridionale (a tratti anche sul nord Europa) di aria molto calda di matrice nord africana è stato spesso favorita dalla presenza di basse pressioni isolate dal flusso zonale (cut-off) tra il comparto atlantico ad ovest del Portogallo e la Penisola Iberica. A questo elemento si aggiunge molto probabilmente il contribuito del Cambiamento Climatico in atto, la cui tendenza all'aumento della temperature risulta molto evidente in estate e, non a caso, soprattutto nel mese di giugno.

Si consiglia di consultare anche la pagina con gli outlook dei principali centri internazionali al seguente link.

Per chiarimenti sui valori riportati nella tabella sovrastante vai sulla pagina descrittiva della legenda
 

Servizio sperimentale aggiornato mensilmente
 

Classificazione delle anomalie


Climatologia di riferimento: 1981-2010

Indici analizzati

cliccare sul nome dell'indice per visualizzarne la fonte.

  • MONSONE AFRICANOITCZ: la linea di convergenza intertropicale risulta leggermente superiore alla posizione media attesa in questa fase dell'anno sia nella parte occidentale che in quella orientale. 

  • MONSONE INDIANOIOD: il monsone indiano risulta debole sulla parte centrale e meridionale del subcontinente indiano (-33% e -14%) e più intenso sulla parte orientale (+21%). L'indice IOD (Indian Ocean Dipole) negativo, previsto negativo per tutta l'estate e l'autunno in accordo col pattern NINA. Nessuna variazione significativa attesa nelle prossime settimane, a parte il fisiologico avanzamento stagionale. 

  • ENSO: fase NINA in attenuazione da valori di -1°C (NINA forte) a circa -0,5°C nel corso dei prossimi due mesi e mantenersi tale probabilmente fino a fine anno (NINA moderata).

  • MJO fasi 6-7-8-1 negli ultimi 30 giorni, probabile passaggio a 3-4-5 nelle prossime due settimane. 

  • AMOnel mese di maggio l'anomalia superficiale è risulta pari a +0,202 °C. 

  • SST Mediterraneo:  dipolo molto debole, forti anomalie positive su tutto il bacino del Mediterraneo. 

  • BANCHISA ARTICAal 28 giugno la banchisa artica risulta 1,16 milioni di chilometri quadrati al di sotto della superificie di riferimento 1981-2010. L'andamento è in linea con quello osservato negli ultimi 10 anni.

  • ATTIVITA' SOLARE: attività solare moderata/forte (40-60 macchie al giorno). 

  • VORTICE POLARE (NAO e AO), STRATOSFERA, NAM: non influenti in questo periodo. 

  • QBO: non influente in questo periodo. 

Classificazione delle anomalie

Vedi la legenda per approfondimenti


TEMPERATURE

    sopra media: anomalie superiori a +1.0 °C ( > +1.0 °C );
    in media: anomalie termiche tra -1.0 e +1.0 °C ( >= -1.0 °C e <= +1.0 °C );
    sotto media: anomalie inferiori a -1.0 °C ( < -1 °C);


PRECIPITAZIONI

    sopra media: anomalie superiori a 2 wet days/mese*;
    in media: anomalie termiche comprese tra -2 e 2 wet days/mese*, estremi compresi;
    sotto media: anomalie inferiori a 2 wet days/mese*;