2021: estate già da record, caldo estremo e violenti temporali 
Meteorologia

L’estate meteorologica è iniziata da appena un mese e già si osservano record termici e intense ondate di calore in numerose aree del nord emisfero. Ancora una volta protagonisti assoluti gli anticicloni di matrice subtropicale, che dal Canada alla Siberia, passando per il Mediterraneo e l’Europa settentrionale, aggiornano con frequenza preoccupante le statistiche meteorologiche.

 

In Italia

Partiamo dall’Italia; negli ultimi 9-10 giorni le regioni centro-meridionali sono state interessate da un’intensa ondata di calore, accompagnata da una costante presenza di polveri sahariane. Le isoterme a 850 hPa (1500 metri circa) hanno toccato i 27-28 °C in Sicilia, dove si sono raggiunti picchi estremi di 44,6 °C a Caltagirone e i 44,5 °C a Comiso. Valori prossimi o superiori ai 40 °C osservati anche in Puglia (Lecce), in Calabria (Botricello, 44°C) e in Basilicata. Temperature ben superiori alla norma, accompagnate anche da elevati tassi di umidità, anche sulle regioni del medio-basso Tirreno. Ai margini dell’avvezione calda Toscana, Sardegna e Nord Italia dove, comunque, il mese di giugno risulta tra i più caldi degli ultimi 30 anni.

Sicilia record temperature giugno

Fonte: SIAS regione Sicilia 

 

 

In Europa

Se usciamo dai confini nazionali record e eventi estremi risultano innumerevoli, ne citiamo soltanto alcuni: a Malta battuto il record di temperatura relativo a giugno (41.3 °C contro 40.2 °C), a Minsk, Bielorussia, eguagliato il record di caldo assoluto nazionale con 35.8 °C. Sarajevo ha corretto il record assoluto di giugno per 3 giorni consecutivi: 36.1, 37.7 e infine 38.2 °C (precedente 35.9 °C). In Ungheria registrato il nuovo picco termico nazionale per il mese di giugno: 40 °C. Mosca e San Pietroburgo con 34.8 °C e 35.9 °C battono i rispettivi record relativi al mese di giugno. Infine in Finlandia caduti numerosi picchi termici di giugno, molti dei quali resistevano da quasi un secolo, tra questi citiamo i 31.7 °C di Helsinki e i 33.2 °C di Tampere (a titolo di esempio, la temperatura massima media di giugno nella capitale finlandese dovrebbe essere 19 °C). A inizio mese valori fino a 30 °C registrati lungo le coste artiche della Russia occidentale.

In questo contesto non sono mancati violenti temporali, spesso accompagnati da intense grandinate e tornado. La massa d’aria calda e secca di matrice subtropicale desertica, infatti, per giorni si è scontrata con correnti decisamente più fredde e umide di origine polare marittima. L’area di contatto tra le due diverse masse d’aria è stata l’Europa centrale e occidentale dove si sono osservati sistemi temporaleschi a mesoscala e supercelle. Germania, Polonia, Francia orientale, Spagna e Repubblica Ceca le zone più colpite; la Moravia meridionale è stata interessata da uno dei più devastanti tornado della storia del continente europeo (immagini), con un bilancio di 6 morti, 200 feriti e circa mezzo miliardo di euro di danni.

 

tornado Moravia giugno 2021 1
Foto Istituto idrometeorologico ceco (CHMI) 
(da Twitter
 

Moravia tornado giugno 2021 - 2
Foto Istituto idrometeorologico ceco (CHMI)
(da Twitter
 

Moravia tornado giugno 2021 3
Foto Istituto idrometeorologico ceco (CHMI)
(da Twitter
 

 

Negli altri stati è stata la grandine a fare notizia, con chicchi fino a 14.5 cm di diametro in Polonia (ufficializzati come i più grandi mai osservati a livello nazionale) e di 10 cm in Francia.

 

Polonia grandine giugno 2021

Un chicco di grandine caduto in Polonia 
(foto di Tomaszów Mazowiecki )
 

grandine Francia giugno 2021

Chicco di grandine caduto in Francia 
(Dr. Serge Zaka (Dr. Zarge)  
 

 

 

Nel Canada occidentale raggiunti i 49.6 °C

Di tutti i dati e i numeri fin qui riportati, quelli che stanno maggiormente attirando l’attenzione in questi giorni sono relativi al Canada. Un’ondata di calore senza precedenti, causata con buona probabilità dalla NINA, ma esacerbata dal cambiamento climatico, sta investendo gli stati occidentali (Columbia Britannica e Saskachewan). A Lytton (BC) sono stati raggiunti i 49.6 °C, non soltanto è la temperatura più alta mai registrata in Canada, ma è anche il valore più alto mai osservato al mondo per una località posta oltre il 50°N/S. Per far comprendere l’eccezionalità dell’evento, basti pensare che il precedente record nazionale era di “soli” 45 °C e perdurava dal lontano luglio del 1937. In Italia la temperatura più alta mai registrata (ufficiale) si ferma a 47 °C (Foggia, 25 giugno 2007), valori non ufficiali si spingono fino a 48-48,5 °C. 

 

Anomalia di temperatura Canada giugno 2021


Anomalia di temperatura in Canada calcolata da modello - 29 giugno 2021