Caricamento

Primavera 2017: analisi climatologica

La primavera meteorologica e climatologica 2017 si è conclusa ormai da una settimana. Di seguito una breve analisi sull'andamento climatologico dei tre mesi di marzo, aprile e maggio. 
 

Temperature

In Toscana questa primavera è stata più calda rispetto al trentennio 1981-2010 con una anomalia positiva di 1.2 °C. L'anomalia delle temperature minime è stata di +0.6 °C e quella delle temperature massime di +1.8 °C.  

Anomalia Temp. MAX giornaliera Anomalia Temp. MIN giornaliera Anomalia Temp. MEDIA giornaliera


Come si vede dal grafico sotto, che mostra l'andamento dell'anomalia di temperatura media in Toscana dagli anni cinquanta ad oggi, dal 2000 in poi prevalgono le anomalie positive, ovvero si susseguono primavere un po' più calde della media. L'ultima primavera significativamente più fresca della media risale a quella del 1991.

MESI
Guardando le anomalie di temperatura a livello mensile, si vede che il contributo viene soprattutto dal mese di marzo, risultato eccezionalmente caldo soprattutto nella seconda parte, quando sono stati battuti molti record mensili di temperatura massima più alta (ricordiamo tra questi anche il record di 26.7°C registrato a Firenze Peretola il 30 marzo). 
Ecco il dettaglio mensile delle anomalie di temperatura:
  • marzo +2.1 °C
  • aprile +0.8 °C
  • maggio +0.8 °C

 

CAPOLUOGHI
A Firenze, Arezzo, Pisa e Grosseto sono state osservate le seguenti anomalie:

Anomalia primavera 2017 nelle 4 città (climatologia 1981-2010)
  Firenze Arezzo Pisa Grosseto
Anomalia temperatura media +0.9°C +1.2 °C +1.3 °C +1.5 °C
 
Il grafico sotto riporta l'andamento giornaliero della temperatura media registrata dalla stazione di Firenze Peretola, rispetto alla media del 1981-2010. 
 

Piogge

Dal punto di vista delle piogge in questa stagione è piovuto meno del normale (circa il 50% di pioggia in meno), sia per quanto riguarda il quantitativo che per quanto riguarda i giorni di pioggia (giorni in cui piove almeno 1 mm).
Pochissima pioggia sul sud della regione (a Grosseto 70% di pioggia in meno), 50% di pioggia in meno nei capoluoghi del centro regione e 30% di pioggia in meno in quelli del nord. 

I mesi nei quali sono caduti meno millimetri sono stati aprile e maggio, mentre a marzo è piovuto in media, ma solamente nei capoluoghi del nord della regione. Inoltre a marzo le piogge sono risultate più intense e concentrate in pochi giorni. 

Complessivamente nell'intera primavera i maggiori deficit di pioggia sono stati registrati a Grosseto, Pisa, Siena e Livorno (-68%, -60%, -56%, -55%).
 
 

Per approfondire

Vi invitiamo a consultare la sezione report meteorologici dove sono pubblicati i report mensili con dettaglio a livello giornaliero e analisi decadali. 

Ultimo aggiornamento: 12/06/2017