Autunno molto mite e poco piovoso

Pubblichiamo una sintetica analisi sull'andamento meteo dell'autunno appena trascorso che, rispetto alla media di riferimento, è stato mite e poco piovoso.  

 

TEMPERATURE

Quello che abbiamo appena trascorso è stato, a pari merito con il 2014, l’autunno più caldo a partire dal 1955
Mediando i dati delle stazioni meteorologiche di Firenze, Arezzo, Grosseto e Pisa, nel periodo 1° settembre - 30 novembre (autunno meteorologico e climatologico), la temperatura media è stata di 1.8 °C superiore ai valori “normali” del periodo 1981-2010 (+2.2 °C l’anomalia rispetto agli autunni del periodo 1971-2000).
 
 
Anomalia di temperatura media AUTUNNO dal 1955 al 2018  Anomalia di Temperatura media Autunno 2018  

 

Più alta l’anomalia delle temperature massime rispetto alle minime (rispettivamente +2.0 °C e +1.4 °C).
Il mese più caldo dei tre è stato ottobre che ha chiuso con una anomalia di +1.9 °C. Come mostra l’immagine sottostante, relativa all’andamento delle anomalie di temperatura giornaliere, il giorno che ha mostrato lo scarto positivo più marcato è stato il 27 ottobre, con 6.7 gradi sopra la media; il 26 settembre si è distinto per la maggior anomalia negativa, e cioè 3.4 gradi sotto la media. Caldo decisamente anomalo nella seconda parte di settembre e nella prima quindicina di novembre, pochi episodi invece di temperatura sotto la media. 
Il giorno più caldo in assoluto dell’autunno 2018 è stato il 24 settembre, mentre il giorno più freddo il 30 novembre; rispettivamente in queste due giornate la temperatura media è stata di 24.3 °C e 5.8 °C. 
 
 
 

PRECIPITAZIONI

E’ stato un autunno con meno pioggia del normale e un po’ meno giorni piovosi nella norma al centro-nord; piogge e giorni piovosi nel complesso in media sulla costa meridionale e le isole.
 
Mediamente, nei capoluoghi, è stato osservato un deficit del 30-35%; inferiore alla norma anche il numero dei giorni piovosi (vale a dire con almeno 1 mm di pioggia). 
Ad un settembre particolarmente secco, è seguito un mese di ottobre con piogge nella media (ma concentrate in pochi giorni) e un mese di novembre con precipitazioni al di sotto della norma.  
Nei capoluoghi l’anomalia pluviometrica è risultata particolarmente marcata a Firenze, Prato, Pisa, Pistoia, Massa-Carrara (rispettivamente deficit del 51, 48, 47, 37, 34 %); deficit meno pronunciati altrove.
 
Anomalie di precipitazione nei capoluoghi toscani - Autunno 2018 Percentuale di precipitazione rispetto alla media

 

CURIOSITÀ: il giorno più piovoso e con più fulmini è stato il 29 ottobre quando sono caduti diffusamente tra 30 e 60 mm e sono caduti circa 120000 fulmini.
 
 
Last updated: 24/12/2018