Bollettino agrometeorologico per la provincia di Prato

Aggiornato il 20/09/2019

Il bollettino agrometeorologico viene aggiornato una volta la settimana (giovedì). Per informazioni meteorologiche più aggiornate consultare il bollettino Lamma
Prato: Osservazioni della settimana da 13/09/2019 a 19/09/2019
Settimana caratterizzata da temperature sopra la media (sia le minime, che le massime) e precipitazioni a carattere di rovescio o temporale solo nella giornata di giovedì 19.
Mappe di scostamento dalle medie delle temperature (rosso = più caldo del normale; blu = più freddo del normale)
Mappe del numero dei giorni piovosi e del cumulato di pioggia in mm
Temperature registrate nell’ultima settimana e precipitazioni giornaliere in alcune località rappresentative della
provincia di Prato
  Valori giornalieri - Tmin (°C) / Tmax (°C)
Pioggia (mm)
Valori medi settimanali e
Cumulato pioggia
  ven 13sab 14dom 15lun 16mar 17mer 18gio 19 Settimana
Artimino17.4/32.0
0.0
19.1/30.9
0.0
17.1/31.2
0.0
15.9/31.8
0.0
14.8/29.1
0.0
17.5/29.5
0.0
18.3/25.2
0.0
17.2/30.0
0.0
n.d. = dato non disponibile
* = valore calcolato tramite dati settimanali non completi
Tempo previsto nei prossimi 2 giorni
sabato 21/09/2019
Stato del cielo e fenomeni: sereno in mattinata, velato dal pomeriggio.
Venti: deboli orientali.
Temperature: minime in sensibile calo, massime in lieve aumento (elevata escursione termica giornaliera).

domenica 22/09/2019
Stato del cielo e fenomeni: molto nuvoloso o coperto con precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale, localmente di forte intensità.
Venti: di moderati orientali.
Temperature: minime in sensibile aumento; massime in lieve calo.
Segnalazioni
Temporali (con anche colpi di vento e locali grandinate):possibili domenica
Piogge abbondanti (oltre 30 mm/24 ore):possibili domenica
 
Previsione per sabato 21/09/2019
mattina pomeriggio sera
Previsione per domenica 22/09/2019
mattina pomeriggio sera
Tendenza
lunedì 23/09/2019
Stato del cielo e fenomeni: nuvolosità irregolare con possibilità di rovesci o temporali.
Venti: deboli-moderati occidentali.
Temperature: stazionarie.

martedì 24/09/2019
Stato del cielo e fenomeni: poco nuvoloso.
Venti: deboli occidentali con locali rinforzi sulla costa.
Temperature: in aumento le massime.

Giorni successivi:
tempo variabile con occasionali piogge.
Segnalazioni
nulla da segnalare
 
lunedì 23/09/2019 martedì 24/09/2019 mercoledì 25/09/2019 giovedì 26/09/2019 venerdì 27/09/2019
BOLLETTINO FITOSANITARIO
aggiornato il 20/09/2019

Provincia di Prato - Bollettino Olivo Integrato del 2019-09-19

Fenologia

La fase fenologica prevalente accrescimento frutto da olive verdi a olive giallo verdi. E' possibile rilevare l'inizio dell'invaiatura per le varietà più precoci. Ricordiamo che il cambiamento di colore della buccia non è correlato con la reale maturazione del frutto.

Sono stati rilevati in alcune aree sintomi di stress idrico su olive e piante.

Gli ultimi sette giorni sono stati caratterizzati da temperature decisamente superiori alle medie del periodo, in modo particolare nei valori massimi con punte prossime ai trenta gradi, piogge rilevate sul territorio assenti.

Le previsioni e le tendenze meteo indicano per i prossimi sette giorni passaggi di instabilità con temperature in calo.

Monitoraggio da effettuare in campo

Di seguito riportiamo alcuni dei sintomi che possono essere cercati in campo in questa fase.

Rogna dell'olivo: individuare le piante o le parti di pianta con presenza dei “noduli” caratteristici.

Lebbra: macchie necrotiche più o meno profonde su olive.

Mosca delle olive: nelle aree dove il bollettino indica infestazione in aumento, effettuare campionamenti delle olive al binoculare.

Occhio di pavone

Manteniamo il suggerimento per gli oliveti dove è stata individuata presenza di occhio di pavone o di cercosposra, con forti attacchi, considerate le piogge cadute nelle ultime settimane è possibile/opportuno effettuare trattamenti con prodotti a base di rame, se non già eseguiti per altre patologie.

Mosca delle olive

Situazione rilevata

Il monitoraggio sul territorio provinciale evidenzia infestazione attiva in aumento anche nell'area pratese.

L'infestazione attiva rilevata in campo è la seguente:

Carmignano in loc Santa Cristina 11%, Castello 10%, a Seano 3%, Prato loc Figline di Prato 4%, a Montemurlo loc Barone NR e a Vaiano loc Savignano 7%.

Ricordiamo che il riferimento dei dati riportati è il dato aggregato di infestazione attiva, che evidenzia la presenza di uova e larve di I e II età (vive) e soglia d'intervento consigliata con larvicida del 10%.

STRATEGIE DI DIFESA

La soglia economica di intervento presa in considerazione è il 10%, è possibile valutare in azienda valori differenti in base ai prodotti scelti ed alla reale situazione di produzione ed infestazione rilevata.

Nelle aree o nei campionamenti aziendali sopra soglia è opportuno pianificare un trattamento con larvicida se le previsioni di raccolta permettono un inizio almeno dopo il 20/25 di ottobre, mentre se è stata messa in atto una strategia adulticida effettuare un nuovo monitoraggio aziendale per valutare la tenuta del sistema.

Prodotti con azione ovo-larvicida ammessi in agricoltura integrata Dimetoato (max ammesso 2 trattamenti*) Phosmet (max ammesso 1 trattamenti*) e Acetamirpid (max ammesso 1 trattamenti*) * n max di trattamenti indipendentemente dall'avversità.

Nelle aree prossime alla soglia, valutare l'evoluzione della prossima settimana ed effettuare campionamenti aziendali.

Per chi ha adottato strategie con prodotti repellenti, antideponenti o sulla base dell'analisi dei voli dell'oliveto con attrattivi alimentari avvelenati, il consiglio è di mantenere la copertura. Effettuare campionamenti per valutare la tenuta del sistema di difesa.

Nelle ultime fasi prima della raccolta è possibile effettuare trattamenti con esche avvelenate con spinosine, con ridotto intervallo di sicurezza ma valutare bene il cambio di strategia e le sue implicazioni.

Rispettare l'intervallo di sicurezza ed il tempo di rientro dei prodotti utilizzati.

Rischio potenziale è medio-alto. Sarà necessario continuare a seguire gli sviluppi per determinare l'entità reale del rischio, manteniamo quindi il consiglio di tenere alta l'attenzione perché in particolare con bassa carica produttiva, a parità di popolazione di mosca, il danno potrebbe essere maggiore.

Legenda dei dati

ST = sotto trattamento per superamento soglia settimane precedenti

NR = non rilevato

SC = dato rilevato settimana scorsa ed inserito in ritardo in data base

Rogna dell'olivo

non sono necessari trattamenti.

Note

PAN – etichetta ed autorizzazioni

In caso di trattamento seguire attentamente le prescrizioni delle etichette. Ricordiamo che essendo l'etichetta autorizzata con decreto ministeriale rappresenta il riferimento principale sulle norme da seguire specifiche del prodotto commerciale usato (la stessa sostanza attiva potrebbe avere autorizzazioni differenti in base al prodotto commerciale acquistato), fatte salve le prescrizioni più restrittive delle norme di enti locali , e dei disciplinari di produzione, a cui si è eventualmente aderito.

Considerato che ci avviciniamo al periodo di raccolta ed alcuni prodotti rispettare rigorosamente i tempi di carenza o INTERVALLO DI SICUREZZA dei prodotti usati per la tutela del consumatore ed il TEMPO DI RIENTRO per la tutela degli operatori

Ricordiamo che il PAN vieta l'utilizzo di prodotti ad azione insetticida in periodo di fioritura della coltura e delle specie spontanee presenti, quindi in caso di necessità di trattamento effettuare anche uno sfalcio delle specie spontanee eventualmente presenti.

Provincia di Prato - Bollettino Olivo Biologico del 2019-09-19

Fenologia

La fase fenologica prevalente accrescimento frutto da olive verdi a olive giallo verdi. E' possibile rilevare l'inizio dell'invaiatura per le varietà più precoci. Ricordiamo che il cambiamento di colore della buccia non è correlato con la reale maturazione del frutto.

Sono stati rilevati in alcune aree sintomi di stress idrico su olive e piante.

Gli ultimi sette giorni sono stati caratterizzati da temperature decisamente superiori alle medie del periodo, in modo particolare nei valori massimi con punte prossime ai trenta gradi, piogge rilevate sul territorio assenti.

Le previsioni e le tendenze meteo indicano per i prossimi sette giorni passaggi di instabilità con temperature in calo.

Monitoraggio da effettuare in campo

Di seguito riportiamo alcuni dei sintomi che possono essere cercati in campo in questa fase.

Rogna dell'olivo: individuare le piante o le parti di pianta con presenza dei “noduli” caratteristici.

Lebbra: macchie necrotiche più o meno profonde su olive.

Mosca delle olive: nelle aree dove il bollettino indica infestazione in aumento, effettuare campionamenti delle olive al binoculare.

Occhio di pavone

Manteniamo il suggerimento per gli oliveti dove è stata individuata presenza di occhio di pavone o di cercosposra, con forti attacchi, considerate le piogge cadute nelle ultime settimane è possibile/opportuno effettuare trattamenti con prodotti a base di rame, se non già eseguiti per altre patologie.

Mosca delle olive

Situazione rilevata

Il monitoraggio sul territorio provinciale evidenzia infestazione attiva in aumento anche nell'area pratese.

L'infestazione attiva rilevata in campo è la seguente:

Carmignano in loc Santa Cristina 11%, Castello 10%, a Seano 3%, Prato loc Figline di Prato 4%, a Montemurlo loc Barone NR e a Vaiano loc Savignano 7%.

Ricordiamo che il riferimento dei dati riportati è il dato aggregato di infestazione attiva, che evidenzia la presenza di uova e larve di I e II età (vive) e soglia d'intervento consigliata con larvicida del 10%.

STRATEGIE DI DIFESA

Per chi ha adottato strategie con prodotti repellenti, antideponenti o sulla base dell'analisi dei voli dell'oliveto con attrattivi alimentari avvelenati, il consiglio è di mantenere la copertura. Effettuare campionamenti per valutare la tenuta del sistema di difesa.

Nelle ultime fasi prima della raccolta è possibile effettuare trattamenti con esche avvelenate con spinosine, con ridotto intervallo di sicurezza ma valutare bene il cambio di strategia e le sue implicazioni.

Rispettare l'intervallo di sicurezza ed il tempo di rientro dei prodotti utilizzati.

Rischio potenziale è medio-alto. Sarà necessario continuare a seguire gli sviluppi per determinare l'entità reale del rischio, manteniamo quindi il consiglio di tenere alta l'attenzione perché in particolare con bassa carica produttiva, a parità di popolazione di mosca, il danno potrebbe essere maggiore.

Legenda dei dati

ST = sotto trattamento per superamento soglia settimane precedenti

NR = non rilevato

SC = dato rilevato settimana scorsa ed inserito in ritardo in data base

Rogna dell'olivo

non sono necessari trattamenti.

Note

PAN – etichetta ed autorizzazioni

In caso di trattamento seguire attentamente le prescrizioni delle etichette. Ricordiamo che essendo l'etichetta autorizzata con decreto ministeriale rappresenta il riferimento principale sulle norme da seguire specifiche del prodotto commerciale usato (la stessa sostanza attiva potrebbe avere autorizzazioni differenti in base al prodotto commerciale acquistato), fatte salve le prescrizioni più restrittive delle norme di enti locali , e dei disciplinari di produzione, a cui si è eventualmente aderito.

Considerato che ci avviciniamo al periodo di raccolta ed alcuni prodotti rispettare rigorosamente i tempi di carenza o INTERVALLO DI SICUREZZA dei prodotti usati per la tutela del consumatore ed il TEMPO DI RIENTRO per la tutela degli operatori

Ricordiamo che il PAN vieta l'utilizzo di prodotti ad azione insetticida in periodo di fioritura della coltura e delle specie spontanee presenti, quindi in caso di necessità di trattamento effettuare anche uno sfalcio delle specie spontanee eventualmente presenti.

Per motivi tecnici consultare il bollettino fito-sanitario a questo indirizzo